Cinque cose che non sai su… le Castagnole

La Ricerca del Gusto si fa particolarmente intensa in determinati periodi dell’anno. Se a Natale abbiamo deliziato i nostri palati con Cartellate, Panforte e Croccante, durante il periodo di Carnevale la nostra attenzione è rivolta alle Castagnole. Dolce dall’antica tradizione, per usare le parole del Maestro Pellegrino Artusi, “è a dir vero, di genere non troppo fine ma può piacere”.
Ricordandovi che la Ricerca del Gusto continua su Facebook ed Instagram, vi auguriamo una buona fine di Carnevale e soprattutto buona lettura!

      1. Come già accennato, le origini delle Castagnole sono alquanto remote. Si pensa che di castagnole si parlasse già alla fine del XVII secolo nelle ricette del Latini, cuoco della casa reale d’Angiò e del Nascia, cuoco della Casa dei Farnesi. Loro li chiamano struffoli alla romana (da non confondere con gli struffoli napoletani), ma nella sostanza corrispondono alle Castagnole, dette anche favette.
      2. Devono il loro nome alla loro forma, che richiama quella del frutto dei castagni. Fanno parte della tradizione culinaria di Liguria, Marche, Lazio, Abruzzo, Veneto e Lombardia. Così possiamo trovare castagnole differenti tra di loro, per un semplice ingrediente utilizzato oppure per consuetudini diverse. Ad esempio, se per le “Castagnole Sabine” bisogna rigorosamente utilizzare l’olio extravergine d’oliva invece del burro, parlando delle “Castagnole di Ventimiglia”, facciamo riferimento a dei prodotti che somigliano molto a dei biscotti al cacao, in cui anche il colore è quello della castagna.
      3. Nelle sagre vanno spesso a braccetto con le frappe ed altre delizie di questo periodo, perché il carnevale, in fondo, va festeggiato in compagnia. Tra le tante iniziative, vi segnaliamo la “Sagra delle Castagnole e Frappe” a Montefiascone (VT), a Tivoli (RM), entrambe nel periodo carnascialesco, e la “Sagra della Castagnola” a Ventimiglia (IM), a fine agosto.
      4. Le castagnole sono tipicamente dei dolci fritti ma, per i più salutisti, possono anche essere preparate al forno.
        Vi proponiamo entrambe le ricette, cominciando dalla versione light, al forno.
        Ingredienti:
        1/2 kg di farina di tipo 00
        16 g di lievito
        5 cucchiaini di zucchero semolato
        1 bicchierino di limoncello
        5 cucchiai di latte
        il succo di metà limone
        20 g di fecola di patate
        30 g di burro
        4 cucchiai di olio di oliva
        0,50 g di vanillina
        un pizzico di sale
        Procedimento:
        Fondere il burro a bagnomaria, lasciarlo intiepidire e riporlo in una ciotola con la farina, lo zucchero, l’olio, il succo di limone ed il limoncello. A parte montare a neve gli albumi d’uovo, aggiungendo un pizzico di sale. Unire all’impasto tuorli, albumi, il latte, la fecola di patate, la vanillina ed il lievito setacciato. Lavorare l’impasto fino a che assuma una media consistenza e suddividerlo in palline delle dimensioni di una noce. Infornare per 12 minuti a 180 gradi.
        Spolverare con zucchero a velo. In alternativa si possono anche farcire con crema di ricotta, crema al cioccolato, crema pasticcera e chi più ne ha più ne metta.
      5. Per quanto riguarda la versione delle castagnole fritte, le differenze negli ingredienti e nel procedimento sono minime.
        Ingredienti:
        1/2 kg di farina di tipo 00
        16 g di lievito
        5 cucchiaini di zucchero semolato
        2 bicchierini di Cognac
        il succo di metà limone
        25 g di burro
        4 cucchiai di olio di oliva
        0,50 g di vanillina
        un pizzico di sale
        Procedimento:
        L’impasto viene ottenuto nel modo sopraindicato ma con qualche piccola variazione: va utilizzato il Cognac al posto del limoncello e non si fa uso della fecola di patate e del latte.
        Una volta ottenuto l’impasto, fate scaldare l’olio in una padella ed immergete un po’ alla volta le palline, utilizzando un cucchiaino come dosatore.
        Fate dorare le castagnole da entrambe le parti, riponetele in un vassoio e spolveratele con lo zucchero semolato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.