tempura

Siamo ancora in Giappone, questa volta per parlarvi della tempura. Ciò che la caratterizza è l’utilizzo di acqua e farina, con l’aggiunta opzionale di uova, per ottenere una frittura caratterizzata da una leggerezza che solo la cucina giapponese sa regalare. Come il sushi è un piatto che può vantare una storia molto antica e che presenta diverse varianti. Per questo ed altro vi invitiamo a proseguire la vostra lettura, che si conclude con la ricetta, rigorosamente Made in Japan.tempura - foglia di acero

  1. Storia della tempura La tempura è uno dei piatti tipici giapponesi, un piatto simile alla frittura della cucina occidentale, in cui gli ingredienti sono pastellati e fritti. Si dice che fu introdotta in Giappone durante il periodo Muromachi (1300-1600), a quel tempo l’olio era costoso e la tempura era considerato un alimento di alta classe. Successivamente, la tempura si diffuse tra la gente comune all’inizio del periodo Edo (intorno al 1600). In quel periodo la cultura delle bancarelle si cominciò a diffondere e la tempura era venduta come spuntino presso le stesse. Da questo momento in poi, la tempura è stata abbinata alla Salsa per tempura o Salsa Tentsuyu, come è oggi. Dalla fine del periodo Edo all’inizio del periodo Meiji (intorno al 1800-1900), apparvero negozi specializzati in tempura, considerata cucina di alta classe. Oggi, la tempura può essere facilmente consumata nelle catene di negozi, ma ci sono ristoranti di alta gamma specializzati nella preparazione di questo alimento.tempura
  2. Il piatto che ha ispirato tempura. Si dice che la tempura fu introdotta durante il periodo Muromachi, ma trae spunto da un piatto persiano chiamato Sikbaj. Il Sikbaj era in origine un piatto di carne in umido con aceto, ma venne adattato dai marinai che preparano il sikbaj con il pesce e lo trasportavano in vari luoghi e pian piano cambiò il metodo di condimento del pesce e fu introdotta la frittura con olio. Sembra che in termini di diffusione geografica, sia stato trasmesso dalla Persia all’Egitto e al Mediterraneo e dal Portogallo al Giappone. L’origine della tempura è la parola portoghese “tempero” che significa condimento.tempura
  3. Tipi di tempura. La tempura è un piatto in cui vari ingredienti sono ricoperti di farina e fritti, ma gli ingredienti utilizzati per la frittura sono vari. Esempi tipici di tempura sono realizzati con frutti di mare e  ortaggi: gamberi, pesce bianco, patate dolci e melanzane. Un altro tipo tipico di tempura è il kakiage, che è una miscela di verdure tagliuzzate, passate nella pastella e fritte. Inoltre, alcune parti del Paese utilizzano altri ingredienti: ad esempio il pollo viene utilizzato nella prefettura di Oita e le foglie di acero salate vengono utilizzate per fare la tempura a Minoh nella prefettura di Osaka. In Giappone, possono essere raccolti vari tipi di verdure selvatiche e vengono prodotti vari tipi di tempura con le stesse. Le verdure selvatiche vengono raccolte solo in primavera, quindi questo tipo di frittura è diventato un piatto stagionale popolare, da provare assolutamente quando si viaggia in Giappone in quella stagione.tempura
  4. Come mangiare la tempura. Il modo tipico di mangiare la tempura è abbinarlo ad una salsa base di brodo di zuppa, salsa di soia e mirin. Solitamente il ravanello daikon grattugiato viene abbinato alla zuppa di tempura. Questo non solo perché è delizioso, ma perché il ravanello contiene ingredienti che aiutano la digestione e ha un retrogusto rinfrescante. Inoltre, puoi semplicemente mangiare la tempura con il sale: un modo molto semplice di mangiarla, sfruttando al massimo la bontà degli ingredienti. Tipicamente si condisce con il sale matcha. Inoltre, c’è anche un piatto chiamato Tendon, che consiste in una base di riso in abbinamento alla tempura e alla salsa di tempura. C’è anche un piatto chiamato Tenmusu, che consiste in un piatto a base di tempura di gamberi avvolta in polpette di riso. Quindi la tempura si abbina molto bene al riso.riso per tempura
  5. Ricetta

Ingredienti (2 persone)

  • 2 gamberi (rimuovendo la testa e il guscio)
  • 2 fette di pesce bianco
  • peperoni Shishito (Anche i peperoni normali possono essere utilizzati, da tagliare a tocchetti)
  • 1 melanzana (tagliata a metà in verticale )
  • 2 fette di zucchine
  • 2 pezzi di myoga
  • 2 pezzi di radice di loto
  • altre verdure a scelta (è possibile utilizzare anche funghi e zucca)

Pastella

  • 50 g di farina
  • 1 uovo
  • 200 ml di acqua 
  • olio

Kakiage

  • 1/4 di carota (tritata)
  • 1/4 di cipolla (tritata)
  • Soia verde (o mais)

Salsa Tentsuyu

  • Alga kelp 5 cm
  • Katsuobushi (tonnetto striato) 10g
  • 1 tazza di acqua
  • Salsa di soia 50 ml
  • Mirin 50ml

Ravanello grattugiato: 100 g di ravanello (o rapa)

Procedimento

Salsa Tentsuyu

  • Immergere l’alga kelp in acqua per 10 minuti e riscaldare a fuoco medio e rimuoverla prima dell’ebollizione.
  • Dopo aver tolto l’alga , portare l’acqua ad ebollizione, aggiungere i fiocchi di tonnetto striato, far bollire per un po ‘, spegnere il fuoco e rimuovere il tonnetto.
  • Aggiungere la salsa di soia e il mirin nella stessa padella e lasciarli bollire per un po ‘ a fiamma alta per qualche minuto.

Ravanello grattugiato: Lavare il ravanello, sbucciare la pelle e grattugiarlo, il ravanello viene utilizzato come contorno

Tempura Kakiage

  • Mettere le uova in una ciotola e aggiungere l’acqua e la farina e mescolare rapidamente.
  • Ricoprire leggermente gli ingredienti preparati ed elencati inizialmente con farina, passarli nella pastella e friggerli nell’olio a 180 gradi.
  • Mettere la carota grattugiata, la cipolla e l’edamame nella pastella rimasta e farli friggere nell’olio utilizzando un cucchiaio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.